Notice: Function is_feed was called incorrectly. Conditional query tags do not work before the query is run. Before then, they always return false. Please see Debugging in WordPress for more information. (This message was added in version 3.1.0.) in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5835

Deprecated: Function _get_path_to_translation is deprecated since version 6.1.0! Use WP_Textdomain_Registry instead. in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5383

Deprecated: Function _get_path_to_translation_from_lang_dir is deprecated since version 6.1.0! Use WP_Textdomain_Registry instead. in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5383
VIVERE ANCORA. VOCI DAL FILO SPINATO - Visit Feltre

27 gennaio 2023 VIVERE ANCORA. VOCI DAL FILO SPINATO

Giorno della memoria EVENTI interna x

SPETTACOLO GRATUITO PER LE SCUOLE

In occasione della ricorrenza del Giorno della Memoria – istituito come noto dal Parlamento italiano al fine di ricordare “la Shoah, le leggi raziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che anche in campi e schieramenti diversi si sono opposti ai progetti di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” – il Comune di Feltre organizza un momento dedicato alle classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado di Feltre e alle classi prime degli Istituti Scolastici di secondo grado.

La partecipazione è riservata alle classi che hanno dato conferma di adesione entro i termini comunicati alle scuole.

 

LO SPETTACOLO

La Shoah raccontata dal cuore pensante di uomini e donne. Un racconto a due voci che si rafforza con intensi momenti musicali dal vivo, le foto d’epoca amplificano visivamente la narrazione, traducono le parole in immagini in un’eco che è anche fisica. Un percorso nella memoria, dai quaderni, dai diari, dalle tracce degli scritti, di donne e uomini sopravvissuti e no all’inferno dei campi di concentramento. Sono parole e tormenti, sono domande. La drammaturgia si compone con le parole di Etty Hillesum, Elie Wiesel, Peter Weiss, Primo Levi, Ruth Kluger, Elisa Springer, per rappresentare la resistenza e la resa di fronte al tentativo di omologare e uccidere ogni diversità, di annientare la dignità di uomini e donne.

Condividi