Notice: Function is_feed was called incorrectly. Conditional query tags do not work before the query is run. Before then, they always return false. Please see Debugging in WordPress for more information. (This message was added in version 3.1.0.) in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5835

Deprecated: Function _get_path_to_translation is deprecated since version 6.1.0! Use WP_Textdomain_Registry instead. in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5383

Deprecated: Function _get_path_to_translation_from_lang_dir is deprecated since version 6.1.0! Use WP_Textdomain_Registry instead. in /www/visitfeltre_147/public/wp-includes/functions.php on line 5383
IL SOLDATO SENZA NOME. IL VIAGGIO DEL MILITE IGNOTO NELL'ITALIA BEL 1921 - Visit Feltre

20 maggio 2022 IL SOLDATO SENZA NOME. IL VIAGGIO DEL MILITE IGNOTO NELL’ITALIA BEL 1921

Mondini locandina

Il soldato senza nome. Il viaggio del Milite ignoto nell'Italia del 1921

Incontro con marco Mondini, Professore Associato in Storia Contemporanea e History of conflicts, Università di Padova.

Venerdì 20 maggio, Museo Diocesano Belluno Feltre, ore 18.30

Basilica di Aquileia, mattina del 28 ottobre 1921.

Davanti all’altare sono allineate undici bare identiche coperte dal tricolore e da un semplice elmetto. Contengono i resti di altrettanti soldati italiani non identificati, ritrovati sui vecchi campi di battaglia della Grande guerra ed esumati nelle settimane precedenti. Davanti a loro cammina Maria Bergamas. È la madre di un volontario irredento, Antonio, morto in battaglia con l’uniforme italiana nel 1916, le cui spoglie non sono più state ritrovate. Dovrà scegliere una sola di queste salme. Chi ha assistito alla scena la ricorda mentre si trascina a fatica, trattenendo il respiro, fino ad arrivare di fronte alla penultima bara: poi «chiamando per nome il suo figliolo, cadde prostrata e ansimante in ginocchio, abbracciando con passione quel feretro. Il rito era compiuto».

Il rito è quello del Milite Ignoto. La salma prescelta verrà caricata su un treno speciale, riccamente adornato e vegliato giorno e notte, che partirà per un lento viaggio alla volta di Roma, attraverso stazioni grandi e piccole, da Conegliano a Venezia, da Bologna a Firenze, talvolta a passo d’uomo, sfilando tra ali di folla silenziosa assiepata lungo i binari, spesso fermandosi per permettere a comitive di veterani, mutilati, vedove, orfani, di tributare il proprio omaggio, di salutare la salma, di toccare il vagone che la trasportava. Non si era mai visto nulla del genere nella storia dell’Italia unita, mai nessun simbolo, mai nessun eroe aveva incarnato così profondamente le emozioni degli italiani. Ma quel caduto senza nome avrebbe potuto essere chiunque. E tutti avrebbero potuto riconoscervi il padre, il fratello, il marito, il figlio perduto di cui molte famiglie non avevano più avuto alcuna notizia. 

Alla fine della guerra, l’esercito italiano contava 200mila tra dispersi e vittime non identificate. Una distesa di morti che lasciava dietro di sé una moltitudine di vivi in lutto privi di una tomba su cui piangere e condannati a un’attesa angosciante e potenzialmente infinita. Non c’è da stupirsi se centinaia di migliaia di cittadini si ammassarono sui binari e nelle stazioni fin dalla mattina del 29 ottobre, né se una folla imponente occupò ogni angolo libero tra piazza Venezia e le vie adiacenti al Vittoriano per assistere alla fine del suo viaggio. Fu la partecipazione spontanea delle madri in nero, che pretendevano di aprire la bara per riconoscere i resti del figlio caduto, e delle vedove che alzavano figli di pochi anni verso il feretro dicendo «bacia il papà». Così, raccontare quel viaggio è come raccontare il lutto, le attese, ma anche l’orgoglio e la memoria dell’Italia inquieta di cento anni fa.

Online
L’incontro sarà registrato e visibile dai giorni successivi su VisitFeltre – canali YouTube e Facebook.

 

 

Partecipazione con prenotazione obbligatoria

Condividi